18 novembre, 2016

Preamplificatori da palo

Continua, passo dopo passo, la costruzione della parte VHF e superiori della stazione. Finalmente i preamplificatori sono arrivati ed è tempo di studiare il modo di alimentarli.

undefined

Ecco le caratteristiche:

LNA 200 MA (VHF) LNA 70 MA (UHF)
Frequency Range [MHz]: 144 - 146
Noise Figure @ 20°C (NF) [dB]: 0,25 +/-0,05
Amplification typ. (S21) [dB]: 24,0 +/-1,0
Operating Voltage [V]: 8 - 14
Power Consumption [mA]: 60
Frequency Range [MHz]: 430 - 440
Noise Figure @ 20°C (NF) [dB]: 0,35 +/-0,05
Amplification typ. (S21) [dB]: 21,0 +/-1,0
Operating Voltage [V]: 8 - 14
Power Consumption [mA]: 60

 

I preamplificatori da palo vanno montati il più vicino possibile all'antenna per ridurre al minimo la possibilità di amplificare, oltre al segnale desiderato, anche il rumore introdotto da lunghe discese di cavo coassiale. L'alimentazione può essere effettuata in due modi: attraverso il coassiale stesso tramite DC Injector oppure tramite connettore di alimentazione separato (con attacco SO239). 

Nota: molte radio moderne offrono la possibilità di non utilizzare i DC Injectors grazie a circuiti interni dedicati. Non è il mio caso quindi, tralasciando i sopracitati injectors, ho optato per la costruzione di un controller per accendere e spegnere da remoto i pre.

 

Controller Preamplificatori

undefined
Schema del controller di alimentazione

A sinistra la parte relativa al control box con la possibilità di alimentazione sia a 13.8V che tramite batteria tampone. A destra la parte da montare sul palo per l'alimentazione dei preamplificatori. Per la connessione delle due parti utilizzo un cavo schermato a 3 conduttori da 1mm (Alimentazione pre VHF, pre UHF e alimentazione diretta di entrambi tramite batteria) 

 

Componenti

S1-2-3 Interruttori a levetta
LED1..6 Led 3mm 
R1-R2-R3 Resistenze 1K
R4-R5 Resistenze 1.2K
R6 Resistenza 800 Ohm
D1 Diodo 1N4004 o equivalente
D2..5 Diodi 1N4148
SW1 Dip Switch (Opzionale)

 

undefined
(Interno della scatola di alimentazione da installare sul mast. Per comodità ho montato un dip-switch per poter attaccare-staccare al volo l'alimentazione in caso di manutenzione evitando di dover tornare ogni volta in stazione a premere interruttori..)

Dalla scatola montata sul mast partono i due cavi coassiali di alimentazione, così facendo si evita che il cavo stesso funga da antenna.

 undefined